Richiedi un preventivo

Contattaci

Pellicola estensibile – non fatevene avvolgere

 

Con la rapida crescita del settore delle spedizioni e della logistica indotta dalla crescita dell’e-commerce, la necessità di soluzioni di imballaggio ottimali sta diventando più importante che mai. In Europa, il materiale monouso primario utilizzato per fissare i pallet è la pellicola estensibile, ma la maggior parte delle aziende si sta muovendo verso soluzioni di imballaggio più ecologiche e riutilizzabili. Ma perché la pellicola monouso è diventata una delle principali preoccupazioni per le catene di fornitura? Esaminiamo tutti gli aspetti negativi dei rifiuti in plastica di pellicola estensibile.

 

Costi più elevati

Molti potrebbero credere che la pellicola in plastica sia economica. Tuttavia, in particolare in magazzini di grandi dimensioni, il costo della pellicola per pallet può rapidamente sommarsi: con un costo medio di 8 euro per un rotolo di pellicola estensibile e un numero medio di 12 pallet avvolti per rotolo di pellicola estensibile, si raggiungerà rapidamente un costo annuo per la pellicola di 12 000 euro anche calcolando solo 50 pallet al giorno. Spesso, gli utilizzatori dovranno anche avvolgere i loro pallet più volte a motivo di protocolli di test o di particolari problemi di trasporto, evidenziando le complicazioni che le aziende hanno con i materiali monouso.  Si tratta di una spesa che può superare rapidamente il budget se si ha una grande quantità di pallet da avvolgere, soprattutto considerando tutta la pellicola estensibile che va sprecata durante il processo di imballaggio stesso, generando plastica non necessaria e costi significativi.

Minore produttività

La pellicola estensibile deve essere avvolta intorno al pallet prima della spedizione e rimossa dopo la consegna. Ciò crea due fasi aggiuntive al processo logistico, rallentando l’intero processo. Il tradizionale avvolgimento manuale dei pallet non protegge il benessere della forza lavoro, dal momento che flettersi mentre si fissa la pellicola al pallet aggiunge un 50% di sollecitazione in più alla schiena. L’avvolgimento manuale dei pallet può quindi causare gravi lesioni alla schiena e alle spalle, aumentando i rischi per la salute e la sicurezza. Si potrebbe invece implementare l’uso di una macchina avvolgitrice automatica; tuttavia anche con questa soluzione i dipendenti devono ricevere una formazione sulle nuove attrezzature e sulle norme necessarie, il che richiede un elevato input di tempo e denaro. Il processo in sé dell’avvolgimento a macchina di un pallet richiede 2-3 minuti. Ancora una volta, non è questa l’opzione migliore quando si tratta di massimizzare la produttività.

Problemi di qualità

Se non imballati correttamente, i pallet possono anche spostarsi durante il trasporto e causare danni al prodotto e all’imballaggio, facendo aumentare i costi a motivo delle merci rovinate e delle spedizioni sprecate. Quando l’avvolgimento viene effettuato, l’integrità delle merci dipende dall’efficienza della forza lavoro di cui si dispone. La fatica o la mancanza di formazione possono influire rapidamente sulle prestazioni dei dipendenti, con conseguenti potenziali reclami o danni dovuti a pallet non avvolti correttamente. I costi effettivi dei danni di spedizione dovuti a carichi non fissati correttamente non vengono sempre percepiti pienamente, ma possono avere un impatto significativo sulle piccole aziende.

Aumento dei rifiuti

Ogni anno circa 1,3 miliardi di tonnellate di rifiuti vengono generati a livello globale. In Europa, la quantità di rifiuti di plastica è aumentata del 13% nell’ultimo decennio. Gli studi dimostrano che se l’attuale tendenza continua, la quantità di rifiuti di plastica che inquinano gli oceani aumenterà fino a 29 milioni di tonnellate all’anno entro il 2040. Ciò vorrebbe dire 50 kg di rifiuti per ogni metro di linea di costa del mondo.

La pellicola in plastica monouso è ben lungi dall’essere ecologicamente responsabile. I materiali plastici sottili sono difficili da riciclare e spesso vanno a finire in discariche o inceneritori. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sia il PVC che il PDVC possono rilasciare sostanze chimiche tossiche e nocive come la diossina quando vengono smaltiti, rendendo gli involucri in plastica uno dei principali fattori che contribuiscono alla questione dell’inquinamento globale da plastica. Tuttavia, le aziende stanno diventando sempre più consapevoli di queste preoccupazioni ambientali e stanno quindi orientandosi verso nuove opzioni di imballaggio riutilizzabili.

 

L’alternativa Coperchio Pallet

Aggiunto alla gamma Loadhog di metodi per la copertura dei pallet, il nuovo Coperchio Euro Pallet è il sostituto riutilizzabile ed ecologico perfetto per il rivestimento dei pallet con pellicola estensibile monouso. Si tratta del metodo più sicuro, versatile ed economico per fissare il carico su un pallet, senza richiedere alcuna fasciatura o alcun rivestimento con pellicola estensibile. La gamma è composta da quattro ingombri alternativi per i vari tipi di pallet, UE, mezzo UE, UK e US, con Loadhog che offre la possibilità di sviluppare ingombri personalizzati per un numero considerevole di pallet.

Il Coperchio Euro Pallet vanta un telaio leggero a 6 punti di contatto e un design rotazionalmente simmetrico e bilanciato che ne agevolano la manipolazione. È compatibile con tutti i tipi di pallet e può essere sovrapposto, aumentando la capacità di stivaggio e il riempimento del veicolo e riducendo l’impronta di CO2. Come sistema riutilizzabile, consente anche la completa eliminazione dei rifiuti di materiale monouso, il che a sua volta garantisce un ritorno sugli investimenti sempre più importante.

Compatibile con l’automazione, questo prodotto innovativo non solo ridurrà in modo significativo gli sprechi generati, ma consentirà anche di risparmiare costi significativi in termini di manodopera e tempo. Le ultime aziende a riferire hanno risparmiato 2,40 minuti per fissare ciascun pallet. È urgente un cambiamento nell’economia della plastica e i prodotti riutilizzabili sono qui per contribuirvi.